Cerca nel sito

Countdown iscrizione contest

In questo momento non ci sono contest in programma ai quali è possibile iscriversi.

Vesicularia montagnei

 

Vesicularia montagnei

 

Vesicularia montagnei - Foto per gentile concessione: Katjusa karlovini

 

Bellissimo muschio, tra i più conosciuti e diffusi in ambito acquariofilo. Di facile coltivazione, ama acque limpide e mosse, con condizioni biologiche stabili.

Fotogallery Vesicularia montagnei


Nome scientifico:

Vesicularia montagnei


Nomi comuni:

muschio di Natale
Christmas moss
Christmas tree moss
Christmas tree
Xmas moss


Famiglia:

Hypnaceae


Origine:

i primi a capirne le potenzialità ed a riprodurlo massivamente per il mercato dell'acquariologia sono stati gli asiatici, partendo da esemplari raccolti in loco, tuttavia l'origine di questa specie non è certa, questa briofita è rinvenibile in molte aree geografiche a clima tropicale e sub-tropicale ma il sud-est asiatico resta l'area ove risulta più facile rinvenirlo in natura.


Morfologia:

pianta di colore verde di media tonalità. Le fronde sono composte da un fusto centrale foglioso e da ramificazioni laterali fogliose di lunghezza variabile, sotto buona luce le ramificazioni assumono tendenzialmente una lunghezza a scalare dalla base alla punta del fusto portante, dandogli un aspetto generale triangolare che ricorda un minuscolo abete (vedere foto seguente), da cui il riferimento al Natale nel nome comune. Foglie ovate, ristrette in un apice fortemente acuminato. Nervatura principale (costa) breve e doppia (bifida). Lunghezza delle fronde e loro fogliosità, portamento ed aspetto estetico generale, sono elementi morfologici che possono comunque mutare anche sensibilmente al variare delle condizioni offerte, in particolare se lasciato crescere fluttuante, o se mantenuto in condizioni di luminosità molto scarsa, il muschio mostrerà un aspetto meno interessante, con fogliosità ridotta e con tendenza a formare matasse aggrovigliate.

 

Vesicularia montagnei - Foto per gentile concessione: Katjusa Karlovini

Vesicularia montagnei - Foto per gentile concessione: Katjusa Karlovini

 

La Crescita:

ha una crescita medio-lenta (a seconda delle condizioni offerte), con portamento leggermente ricadente se coltivato come pianta epifita ancorata a supporti. Si fissa autonomamente a pietre e legni, ma si tratta di un fissaggio piuttosto debole, è comunque sufficiente incastrarlo tra gli arredi in modo da impedirne inizialmente il galleggiamento oppure fissarlo delicatamente ad essi con filo di cotone (o filo da pesca) ed in breve tempo inizierà a svilupparsi avvolgendo il supporto. Se la luce è scarsa tende con la crescita a sollevarsi ed a sfaldarsi, mentre se la luce è buona resta più basso, spessorandosi strato su strato e formando cuscini alti qualche cm e molto belli. Questi cuscini non vanno però fatti sviluppare troppo, altrimenti la parte inferiore a contatto col supporto col tempo potrebbe marcire compromettendo l'integrità dell'intero cuscino, di tanto in tanto provvedete quindi a slegare, sfoltire massicciamente (eliminate la parte più vecchia, ovvero quella sottostante), quindi rilegare il muschio , così da mantenerlo sempre bello e sano.


Valori Acquario:

PH: 5,0 / 8,5
GH: 3 / 13 °dGH
Temperatura: 18 / 26 °C
Luce: da bassa a media


Allestimento Acquario:

trattandosi di un muschio è indifferente il fondo adottato. Non ama stare in acque stagnanti o troppo ferme, preferisce decisamente la corrente, purchè non eccessiva. Con poco movimento dell'acqua tenderà maggiormente a sporcarsi, accumulando progressivamente detriti, si può ovviare inserendo in acquario animali detrivori/alghivori come ad esempio piccoli crostacei (Caridina multidentata, Neocaridina heteropoda, Caridina cantonensis, etc...), ma ovviamente è sempre meglio prevenire che curare. Può essere facilmente oggetto di proliferazioni algali, soprattutto in concomitanza di instabilità dei valori chimici dell'acqua, luci troppo vecchie o protocolli di fertilizzazione non correttamente bilanciati; per questo motivo sconsiglio di inserirlo in acquari appena avviati ove, non essendoci ancora una sufficiente stabilità, è più facile trovarvi condizioni idonee alla crescita delle alghe. L'instabilità dei valori porta infatti facilmente questo muschio ad entrare in stasi vegetativa con probabile comparsa di lesioni ai tessuti, lesioni che poi richiedono tempi lunghi per un loro completo superamento. Con queste premesse si può facilmente intuire che dopo l'inserimento in acquario ci vorrà un po' di pazienza prima di vedere questo muschio veramente in salute, deve prima superare completamente la fase di adattamento alle nuove condizioni.


Fertilizzazione:

una volta superata la fase di adattamento è un muschio di facile coltivazione, capace di crescere anche in vasche prive di fertilizzazione ed impianto CO2, è tuttavia innegabile che in presenza di questi due elementi la sua crescità sarà più rigogliosa e il suo aspetto risulterà decisamente migliore.


Posizione In Acquario:

si presta a vari utilizzi in termini di layout, in acquari di piccole o medie dimensioni viene spesso impiegato nel primo e medio piano per coprire rocce e/o legni, o per attorniarne le parti basali, dando al layout un aspetto molto più naturale. Caratteristica molto apprezzata di questo muschio è la tendenza a seguire con la crescita il profilo del supporto su cui è stato fissato, il muschio non si alza troppo se ben illuminato, resta piuttosto adeso al supporto, e lentamente va ad avvolgerlo.


Modalità di Riproduzione:

può realizzare sia la riproduzione sessuata, rilasciando in acqua gameti per mitosi, sia la riproduzione asessuata, ovvero mediante moltiplicazione vegetativa per frammentazione (propagazione clonale). In acquario è ovviamente più comune la seconda, basta un piccolo frammento di muschio per avviarne una nuova colonia.


Inserimento in Acquario:

viene solitamente proposto dalle aziende già fissato su supporto, ovvero mediante pezzetto di rete (o di legno) coperta da muschio. Consiglio in tal caso di levarlo dalla rete e fissarlo a vostro piacimento su legni e/o pietre mediante filo di cotone o filo da pesca. Lo si può anche trovare "sfuso" in alcune serre specializzate in piante acquatiche.


 

Iscriviti al sito/forum di AE

Ultime dal forum
Ciao a tutti da il gazza
Inviato da Gazza
ieri alle 22:13
Re: Fertilizzare nel periodo di maturazione...
Inviato da marco66
ieri alle 19:48
il paradiso, se esiste, io lo immagino così...
Inviato da Andrea Perotti
ieri alle 15:52
Re: Cerco pesci piccoli del nord Italia
Inviato da qxprnc
ieri alle 01:05
Re: Gobione
Inviato da qxprnc
21/09/2017 22:37
Re: Sempre più grande: 40 m di vasca del M° Amano
Inviato da marco66
21/09/2017 19:48
Re: Confronti parametri chimici biotopi Italiani
Inviato da qxprnc
20/09/2017 20:19
Re: Galaxy Rasbora e nutrimento
Inviato da Andrea Perotti
20/09/2017 13:40
Re: PetsFestival Piacenza EXPO Ed. 2017
Inviato da marco66
20/09/2017 12:35
Re: Consiglio per acquisto piccolo acquario
Inviato da Andrea Perotti
19/09/2017 20:44
Calendario eventi
Settembre 2017
L M M G V S D
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1
Prossimi eventi
Nessun evento
Dalle Fotogallery
Articoli Correlati
Negozi Convenzionati

http://www.Petpassion.it

http://www.acquarishop.it/

Lo staff di AquaExperience ricorda che i contenuti degli articoli e delle schede presenti in questo sito sono frutto di esperienze personali e pertanto spesso non ripercorribili con medesimi risultati in altre sedi e in altri acquari. Ciò che funziona perfettamente in un acquario potrebbe non funzionare per nulla in un altro. Lo staff di AquaExperience e gli autori del materiale in esso presentato non potranno quindi in alcun modo essere considerati responsabili per eventuali danni a persone, cose o animali derivanti dall'applicazione dei contenuti di tale materiale.