Cerca nel sito

Countdown iscrizione contest

In questo momento non ci sono contest in programma ai quali è possibile iscriversi.

Intervista a Diego Sandoval

 

Intervista a: Diego Sandoval

 

Diego Sandoval davanti ad un suo acquario da 300 litri

 

AquaExperience.it ha intervistato per voi Diego Sandoval, aquascaper spagnolo di fama internazionale, specializzatosi ultimamente in mini-acquari, vasche a volte davvero microscopiche ove riuscire a creare un layout accattivante è tutt'altro che semplice.

 

 

Fotogallery Intervista a Diego Sandoval

 

1. Ciao Diego, a beneficio di chi non ti conosce puoi fare una tua presentazione? Come e quando è nata in te la passione per l'acquariofilia e per l'aquascaping?

Ciao, innanzitutto ti ringrazio molto per aver pensato a me per questa intervista.
Il mio nome è Diego Sandoval e vengo da un piccolo paese nella provincia di Murcia in Spagna chiamato Barqueros. La mia passione per gli acquari e per gli animali acquatici è sorta in pratica da quando sono nato. Quand'ero molto piccolo abbiamo vissuto per un periodo in Francia, in un piccolo paese chiamato "Petit Palais" in Vahucluse, lì c'erano un sacco di piccoli canali e fossati e già all'età di 5 anni mi piaceva catturare piccoli pesci che poi cercavo di mantenere in vaschette di vetro o di plastica, ma a casa non mi era consentito avere un vero acquario, mi sarebbe piaciuto tanto ma non potevo. Poi da adulto, lavorando, ho potuto finalmente permettermi di avere acquari e così nel 1991, a 31 anni, finalmente comprai il mio primo vero acquario, un 38 litri, mi ricordo che ci misi un forziere ed una pianta di plastica, per me era l'acquario più bello del mondo. A un certo punto però mi sono stancato degli arredi in plastica ed ho allestito un acquario in stile Tanganica, nei tre anni successivi ho iniziato ad interessarmi agli acquari con piante e alla realizzazione di paesaggi più ricercati, poi però mi sono un po' stufato e sono tornato al tipo Tanganica. Un giorno, cercando immagini di acquari su internet con Google, ho visto un miniacuario, e mi sembrava così bello che decisi di provarci pure io, così solo per divertimento, decisi poi di condividerlo con tutto il forum che frequentavo, e colsi pareri positivi da tutti. Fino ad oggi ho allestito circa 30 acquari in miniatura.



2. Attualmente quante vasche gestisci e di che volumi si tratta?

Al momento ho un mini-acquario e 5 acquari da 5 litri, 13 litri, 23 litri, 54 litri e 300 litri.

Sanctuary - 300 litri

Ahkdar - 54 litri

Lamento - 23 litri

Confrontaciòn - 13 litri

Mini-Acquario - 12,5 cm x 12,5 cm x 9,5 cm

 

3. Per i tuoi plantacquari quale fondo utilizzi attualmente? E' lo stesso da sempre oppure in passato hai avuto esperienze anche con altri fondi commerciali?

Negli acquari di medie e grandi dimensioni ho sempre usato come substrato Aqualit (Hobby Aqualit - Substrato minerale poroso arricchito con oligoelementi), coperto poi con sabbia della Loira (Zolux Arena Loira - Sabbia di quarzo naturale), se ci fate caso quasi tutti i miei acquari sono allestiti in questo modo, mi piace l'effetto naturale che ne deriva. Ultimamente ho comunque anche avuto modo di provare l'Akadama, il Manado (JBL Manado) e altri prodotti di vari marchi.


4. Per la fertilizzazione in queste vasche a che linea e programma sei solito affidarti? Somministri i singoli nutrienti separatamente preparandoli tu stesso oppure ti affidi a fertilizzanti commerciali già pronti?

Ho usato di tutto, ma ultimamente sto provando una formula che mi ha mandato un mio amico dall'Uruguay e che a quanto pare da ottimi risultati.


5. Quando dosi i fertilizzanti ti preoccupi maggiormente di non avere eccedenze oppure solo di non avere carenze?

Niente eccedenze. Nulla risulta buono se in eccesso.


6. Che lampade usi con maggior soddisfazione nei tuoi plantacquari? Come ti regoli col fotoperiodo dallo start-up alla maturazione acquisita? Parti subito forte oppure impieghi qualche settimana, o mese, prima di portare il fotoperiodo a pieno regime?

Per acquari di meno di 5 litri utilizzo lampade PL, per quelli di volume maggiore invece utilizzo le T5. Come fotoperiodo parto sempre con 6 ore per poi aumentare gradualmente di settimana in settimana.


7. Preferisci gestire acquari molto spinti con illuminazione forte e sviluppo rapido dei vegetali oppure ti trovi meglio con acquari a luce media, più lenti nello sviluppo vegetale ma più facili da gestire?

Preferisco una luce media così da poter fare le cose gradualmente, ma a volte ci sono piante che richiedono una luce maggiore ed in questi casi è bello per loro seguire un'altra scelta ed offrirgli tutta la luce di cui hanno bisogno.


8. Quando allestisci da zero un acquario, con fondo e materiali filtranti nuovi, piantumi subito o preferisci prima far maturare fondo e filtro senza flora a luci spente e solo in un secondo momento passare all'inserimento delle piante?

Non ho mai avviato acquari senza luce e senza flora. I miei acquari hanno sempre qualche pianta inserita fin dall'inizio. Non ho mai provato il sistema con avvio senza luce e senza flora e, visto che sono un impaziente, dubito che mai lo farò.


9. Quando e in che sequenza vai ad inserire i primi animali?

Dopo un minimo di fase di maturazione in genere per primi introduco dei Corydoras, 4 / 5 esemplari, e lascio solo loro in vasca per alcune settimane, poi se tutto è ok introduco gradualmente gli altri pesci portandomi poco a poco a completare il popolamento con un numero adeguato di pesci.


10. Molti acquariofili giudicano negativamente l'eventuale presenza in acquario di chioccioline acquatiche (Generi Physa, Lymnaea, Melanoides, Planorbis, etc...) e spesso non esitano a sterminarle con qualsiasi mezzo .... tu cosa ne pensi?

Nei miei allestimenti Tanganika mi piaceva tenerle, mantenevano la sabbia pulita e le vedevo come un elemento utile, ma nei plantacquari è meglio evitarle, esteticamente non sono buone, almeno per me non lo sono, inoltre quando non trovano sufficiente cibo possono attaccare le piante, mentre quando trovano troppo cibo si moltiplicano diventando una peste per l'acquario, per questi motivi cerco sempre di evitarle ma non sempre ci riesco. Sinceramente non mi piacciono in plantacquario, fanno eccezione solo i mini-acquari ove invece mi servono per mantenere tutto pulito.


11. Che sistema di filtraggio adotti più di sovente nei tuoi acquari? Preferisci un filtraggio lento e prevalentemente biologico oppure rapido e con maggior componente meccanica? Separi il filtraggio biologico da quello meccanico?

Ho quasi sempre utilizzato filtri esterni a cestelli, sia con filtraggio biologico sia con filtraggio meccanico, a volte due filtri separati, uno con solo filtraggio biologico ed uno con solo filtraggio meccanico, altre volte un solo filtro con mescolati all'interno sia i filtranti biologici sia quelli meccanici.


12. Che acqua utilizzi nei tuoi acquari? Usi acqua osmotica corretta con sali induritori oppure usi acqua di rete domestica? Che valori cerchi di mantenere in linea di massima nei tuoi plantacquari?

Acqua osmotica mescolata con acqua di rubinetto filtrata, in modo da ottenere un pH compreso tra 6,5 e 7 ed una durezza compresa tra 5 e 10 °dGH.


13. Con i cambi parziali come preferisci regolarti? Frequenti e di piccola entità oppure massicci ma più diradati nel tempo?

Meglio cambi frequenti, io cambio un terzo dell'acqua ogni settimana. A volte però, per mancanza di tempo, il cambio parziale lo faccio ogni 15 giorni .... ma mai di più di 15 giorni.


14. Testi spesso l'acqua oppure ti basta un'attento esame visivo per capire eventuali carenze nutrizionali nelle tue piante?

Quando vedo che qualcosa non va bene allora testo l'acqua, ma sino ad allora nemmeno mi avvicino ai test, non mi piacciono, però a volte sono necessari.


15. Eroghi CO2 solo in coincidenza delle ore di luce oppure 24 ore al giorno no stop?

Negli acquari con erogazione di CO2 pressurizzato il CO2 serve solo nelle ore di luce, però anche dove vi sono impianti CO2 artigianali di piccole dimensioni l'impianto non è mai in funzione 24 ore al giorno.


16. Takashi Amano ha dichiarato di utilizzare in molti suoi allestimenti l'areatore per tutto il periodo in cui le luci sono spente, ovvero per ben 14 ore al giorno. Tu utilizzi questo accessorio? Lo ritieni utile?

Io non utilizzo niente del genere, e sinceramente è la prima volta che sento qualcuno fare ciò al riguardo. L'unica cosa io che faccio di notte (quando mi ricordo) è alzare le uscite dei filtri al di sopra della superficie dell'acqua, di giorno sono più sotto e l'acqua in superficie non si muove molto.


17. Tieni le tue vasche ad una temperatura costante per l'intero anno oppure cerchi di ricreare una certa "stagionalità" facendo calare leggermente il metabolismo all'intera vasca nella fase invernale mediante un progressivo abbassamento di temperatura?

I miei acquari sono a temperatura ambiente, quella che c'è in casa, non uso riscaldatori da 2 anni, la temperatura delle vasche arriva a 28 °C in estate mentre in inverno scende, ma mai sotto i 22 °C.


18. Ti capita spesso di utilizzare in acquario materiali prelevati in natura? Mi riferisco a legni e pietre, ma anche a piante... Come selezioni e prepari tali materiali prima di utilizzarli in acquario?

Ho utilizzato ed ancora utilizzo legni di "Romero" seccati e bolliti, a volte se i rami sono piccoli li metto per 2 minuti nel forno a microonde così da rimuovere tutte quelle cose brutte che possono veicolare, e poi gli do una bella lavata. Le pietre, ad esempio quelle che si trovano in "Confrontación", sono raccolte qui nella provincia di Almeira, vicino a Murcia, e non sono calcaree; qui nella zona della mia città ci sono invece solo pietre valcaniche e calcaree, questa è una zona vulcanica. Riguardo alle piante, per ora ho raccolto solo alcuni muschi che si sono adattati bene, li impiego in alcuni miei mini-acquari.


19. Ti è capitato anche di usare in plantacquario rocce di natura calcarea? Come in tal caso hai modificato la gestione della vasca?

Per ora non ho mai usato rocce calcaree in plantacquario, ma un giorno forse ci proverò, il pH dovrebbe poi avere un valore superiore a 7, vorrei farlo e poi mettere pesci come Pseudomugil furcatus (adoro questo pesce) e piante che vadano bene a quei valori di pH.


20. Con l'AAC la Spagna ha dato prova di grande professionalità e di ottime capacità organizzative. Con sole due edizioni alle spalle l'AAC ha già acquisito notevole considerazione tra gli aquascapers europei, ma ancora stenta a conquistare gli asiatici. Nei primi 100 posti all'IAPLC di quest'anno non c'è nemmeno una vasca vista all'AAC, sintomo che molti tra i migliori hanno preferito puntare sul Contest nipponico snobbando il vostro, penso che il fatto che i risultati (e le foto) del Contest spagnolo vengano resi noti ben prima rispetto all'IAPLC sia deleterio per l'AAC. Cosa ne pensi?

Proprio quest'anno, nella categoria "mini acuario" e "acuario medio" all'AAC ha vinto il primo premio un asiatico, Siak Wee Yeo (Malaysia), e anche altri partecipanti asiatici sono stati presenti, Malaysia (8), Singapore (6), Indonesia (6), Thailand (3), China (3), Vietnam (1) e Taiwan (1). E' ancora presto, si è solo alla seconda edizione del concorso ma già si sta avendo un certo successo che spero incoraggerà per le prossime edizioni altri aquascapers asiatici e di tutto il mondo a partecipare a questo grande evento. E' chiaro che l'IAPLC è superiore a qualsiasi altro concorso (quasi 2000 partecipanti quest'anno) e se li si richiede che la vasca sia a livello di Contest inedita è normale che alcuni preferiscano tenere in serbo i loro acquari per quel concorso. Penso comunque che l'AAC sia stato un trionfo, e che tale successo proseguirà anche negli anni futuri. Vi mostro di seguito i miei due acquari che vi hanno partecipato quest'anno.

Mehirugi (6 litri) - 4° posto nella categoria miniacuario

Beyond (300 litri) - 13° posto nella categoria Grandes Acuario

 

21. Tornando a te .... Dal punto di vista stilistico, hai avuto dei modelli ispiratori? Il tuo stile compositivo, in caso di acquari pensati per un Contest (e non), è personale ed istintivo oppure disponi arredi e piante seguendo degli stili e delle regole note e ben definite?

Il mio è istinto, quanto dico che non ho in mente che acquario voglia fare finchè non inizio ad allestirlo in genere non mi credono, comunque si, a volte mi è capitato di allestire cercando di mettere in pratica un'idea o un disegno, ma non ho mai provato a copiare ciò che già esiste, anche se non posso negare che alcune idee che ho avuto per la composizione di alcune aree in alcuni allestimenti sono state in un qualche modo influenzate dalla visione di altri acquari.


22. il miglioramento conseguito negli ultimi due / tre anni da alcuni aquascapers spagnoli è innegabile e sotto gli occhi di tutti. Secondo te quali tra loro si affermeranno nei prossimi anni? Chi tra loro ha uno stile compositivo che più ti piace e dalle maggiori potenzialità?

In Spagna ci sono aquascapers molto bravi, te ne potrei citare diversi alcuni dei quali forse non li conosce nessuno al di fuori della Spagna, ma il primo è Jordi Pelegrí, quest'uomo fin dall'inizio ha realizzato una serie di lavori davvero buonissimi, sempre meglio, resto incantato a vedere come lavora e penso che al momento lui sia il migliore che abbiamo in Spagna. Ci tengo poi a menzionare Lorenzo Ruiz, lo spagnolo più alto in classifica all'IAPLC di quest'anno, quest'uomo modesto e quasi sconosciuto per molti è riuscito ad essere il migliore spagnolo piazzandosi al 264° posto con un gran bel layout. Mi piace anche citare Alberto Alvarez, recente vincitore all'AGA Contest nella categoria "< 70 Lt." con il suo "Apolo", una persona che conosco da molti anni e di cui ho sempre ammirato la buona mano che ha con le piante. Ed infine qualcuno che al di fuori della Spagna non è molto conosciuto in quanto non ha preso parte a Contest famosi, ma è un maestro, sto parlando di Alberto Sosa.


23. Che consigli primari ti senti di dare ad un neofita che si avvicina per la prima volta all'acquario di piante, affinchè possa trarre soddisfazione già dalla sua prima esperienza e senza spendere troppi soldi...?

Consiglio di iniziare con piante poco esigenti e facilmente mantenibili, inoltre ripeto sempre che la cosa più importante è la pazienza, è necessario non scoraggiarsi al primo problema, sicuramente tutti abbiamo incontrato ed ancora incontriamo problemi, ci vuole molta pazienza.


24. Passiamo ora ai mini-acquari. Ho visto alcuni tuoi autentici capolavori realizzati in vasche davvero piccolissime, a volte di nemmeno 1 litro di capienza. Si tratta di veri acquari o solo di esercizi stilistici? Intendo dire ... sono acquari che poi restano in funzione in modo decente per lungo tempo oppure durano solo il tempo di una foto e poi vengono smantellati?

Un po' di tutto, alcuni sono durati solo per qualche ora, altri per settimane, altri per mesi, a seconda dello scopo per cui sono stati creati. Quelli che ho mantenuto per più tempo avevano capienza superiore ai 6 litri. Quelli da mezzo litro, al massimo 3 mesi, che è in pratica il tempo massimo che riesco a mantenere in sommersione i muschi che vi utilizzo.
Mostro un miniacquario recentemente realizzato.

 

Mini-Acquario appena allestito

Mini-Acquario - Evoluzione

 

25. Immagino che vasche così piccole spesso non abbiano nemmeno un filtro, giusto? Richiedono cambi parziali periodici o solo rabbocchi?

Quando decido di mantenerli nel tempo faccio dei cambi parziali, anche a volte del 100% del volume, come unica filtrazione invece, come ho già detto, mi affido a gruppi di piccole lumache. Per vasche a partire dai 5 / 6 litri in su utilizzo invece un vero filtro.


26. Si può pensare di fertilizzare in vasche così minute o è meglio evitare?

Quando è possibile, ad ogni cambio d'acqua aggiungo qualche goccia (vado ad occhio) di fertilizzante liquido commerciale.


27. In volumi così ridotti usi comunque fondi attivi o è meglio impiegare solo fondi inerti? Insomma come funziona un mini-acquario?

Nella vasca più piccola, essendoci solo muschi, un fondo attivo non serve a molto, ed anche nel caso utilizzi Eleocharis non mi interessa averne una crescita troppo rapida. Per questi motivi il fondo attivo lo impiego solo per acquari dai 6 litri in sù.


28. Certo che simili microscopici capolavori non ritengo possano competere ad armi pari con tutti quei maxi-acquari che vediamo sempre primeggiare nei vari contest di Aquascape ... ed è un peccato. Non ritieni sia opportuno creare dei Contest (o categorie dedicate all'interno dei Contest già esistenti) specifici prettamente dedicati a questa tipologia di mini-acquari?

Quest'anno all'IAPLC un miniacquario si è classificato al 100° posto, quindi si i mini-acquari possono sicuramente partecipare a questi eventi, però comunque ritengo che in ogni Contest dovrebbe esserci una categoria specifica per acquari non superiori ai 6 litri, in quanto allestire un 6 litri non è come allestire un 54 litri, mentre invece nei vari concorsi questi due litraggi presi ad esempio vengono fatti gareggiare assieme in una stessa categoria. Un contest specifico con solo mini-acquari molto piccoli sarebbe interessante, ma per il momento abbiamo fatto solo una prima prova, con il mio concorso (amichevole) di mini-acquari con come premio un disegno/caricatura, eh eh eh...


29. Oltre all'acquariofilia hai altre passioni? Ti va brevemente di parlarcene?

Beh, io amo i film, soprattutto gli horror, vecchi e nuovi, ma anche quelli di animazione, gioco molto con le consolle di videogames assieme alle mie figlie, mi piace disegnare, dipingere miniature, e poi un sacco di altre cose, come il calcio, il tennis, la boxe e soprattutto la musica metal rock.


30. Bene, siamo in dirittura d'arrivo .... prima di salutarci, c'è qualcuno in particolare (persona, sito, associazione, negozio, ....) che vuoi ringraziare e/o segnalare? Qualcuno che insomma abbia contribuito alla tua formazione plantacquarofila e a cui quindi desideri dedicare una menzione?

Come per ogni appassionato di Aquascaping, credo si debba menzionare una persona grazie alla quale per molti è stato possibile interessarsi a questo mondo, parlo del Sig. Takashi Amano e dei suoi lavori, credo che senza di lui quest'hobby non sarebbe lo stesso. Voglio anche ricordare qualcuno che mi ha incoraggiato ed aiutato nei miei primi passi, che mi ha aiutato a creare un blog e ad esporre i miei lavori, Josep Cobello, creatore di uno dei blog spagnoli più interessanti, AquaFlash, proprio il 16 di questo mese è stato il primo anniversario della sua morte, riposa in pace Josep. Voglio poi ringraziare tutti i forum che mi hanno sostenuto quando ne avevo bisogno, compreso AquaExperience, e tutte le persone che mi hanno aiutato in qualche punto del mio percorso, grazie a loro.




Bene Diego, l'intervista è terminata. Lo staff di AquaExperience.it ti ringrazia infinitamente per la tua disponiblità e per il tempo che ci hai dedicato.

Grazie a voi per come mi avete trattato fin dall'inizio, mille grazie, è stato un piacere.

 

 


 

 

Per maggiori informazioni su Diego Sandoval e le sue creazioni vi invitiamo a visitare il suo blog AcuaMiniatura ed il suo nuovo sito AcuarioPlantado.ForoActivo.

 

 


 

 

Segue il testo dell'intervista in lingua originale, ovvero in lingua spagnola (le traduzioni sono state curate da A. R. Alvarez ed A. Perotti)

 

 


 

 

 

AquaExperience.it ha entrevistado a Diego Sandoval, Aquascaper español de fama internacional, especializado ultimamente en mini-acuarios, pilas a veces microscopicas en las que crear un layout original no es nada facil.

 

 

 

1. Hola Diego, para quien no te conoce, puedes presentarte? Cuando naciò tu pasion por los acuarios y el aquascaping?

Hola , primero , muchas gracias por pensar en mi para esta entrevista .
Me llamo Diego Sandoval y soy de un pequeño pueblo de la provincia de Murcia en España llamado Barqueros. Mi pasion por los acuarios y los bichos acuaticos ,me viene , yo creo que desde que naci , porque ya de muy pequeño ,estabamos en Francia en un pequeño pueblo llamado “Petit Palais” en el Vahucluse(84) francés y habian bastantes canales pequeños y acequias y con 5 años , estaba siempre pescando peces y los guardaba en envases de cristal o de plastico, Pero en casa no estaba permitido tener acuarios , así que por mucho que me gustara no pude tener ningún acuario . Después , de mayor , mi trabajo tampoco me permitio tener acuarios hasta que por fin en 1991 con 31 años me compré mi primer 38 litros , lo tenia con un cofre del tesoro y una planta de plástico , para mi era el mas bonito del mundo . Hasta que me cansé de plástico y empecé con un acuario de Tanganika , hasta hace algo mas de 3 años que me empezaron a interesar los acuarios plantados y el paisajismo. Abandoné el Tanganika y empece a montar acuarios plantados. Un día buscando fotos de acuarios vi un miniacuario en google, y me parecio tan bonito que decidí probar yo, solo para divertirme decidí compartirlos con en todos los foros que frecuentaba , y tuvieron bastante buena aceptación en todos , hasta hoy he montado unos 30 acuarios en miniatura .


2. Cuantas pilas manejas y de qué volumenes se trata?

En estos momentos tengo 5 acuarios y un mini , uno con 5 litros , 13 litros , 23 litros , 54 litros y 300 litros

3. Para tus plantacuarios que fondos utilizas actualmente? Es el de siempre o
has tenido experiencias con otros fondos comerciales?

Yo siempre he utilizado ,en los acuarios medianos y grandes , de fondo Aqualit y encima le hecho arena del Loira (Loire) , si te fijas casi todos mis acuarios estan montados con esa arena , me gusta lo natural que queda . Últimamente he probado la AKADAMA ,tambien MANADO y alguna otra marca comercial .

4. Para la fertilizacion de estas pilas que tipo de programa utilizas? Suministras nutrientes separadamente preparandolos tu mismo o utilizas fertilizantes en comercio ya preparados?

He usado de todo , pero últimamente estoy probando una formula que me envió un amigo de Uruguay y que según parece da bastante buen resultado

5. Cuando dosas los fertilizantes te preocupas mas que no sobren o que no falten?

Que no sobren , nada en exceso puede ser bueno.

6. Que tipo de lamparas utilizas con mayor satisfaccion para tus plantacquarios? Como te regulas con el fotoperiodo desde el "start-up" al momento del la mandurez? Empiezas fuerte o empleas alguna semana, o un mes antes de llevar el fotoperiodo a pleno regimen?

Para los acuarios pequeños de mas de 5 litros utilizo PL y para el grande T5 . El fotoperiodo al principio es de 6 horas y voy subiendo un poco cada semana .

7. Prefieres acuarios con fuerte iluminacion y desarrollo rapido de vegetales, o te encuentras mejor con acuarios de media luz, mas lentos en el desarrollo de los vegetales pero de mas facil administracion?

Prefiero luz media y poder hacer las cosas poco a poco, pero a veces hay plantas que requieren mucha luz y para tenerlas hermosas no hay mas remedio que ponerle toda la luz que necesiten .

8. Cuando preparas un acuario de zero, con fondo y materiales filtrantes nuevos, los plantas en seguida o prefieres que fondo y filtro lleguen a madurez con las luces apagadas y solo en un segundo momento les insertas las plantas?

Yo nunca he ciclado un acuario a oscuras y los acuarios siempre han tenido algunas plantas desde el principio, tampoco he probado nunca a ciclar asi , pero con lo impaciente que soy yo , dudo mucho que lo haga alguna vez .

9. Cuando y con que secuencias vas a insertar los primeros animales?

Después de cada ciclado suelo empezar introduciendo primero unas 4 o 5 Corydoras y mantenerlas solas durante unas semanas , después introduzco los animales que el bolsillo me va permitiendo , poco a poco y hasta alcanzar el numero adecuado de peces.

10. Muchos acuariofilos juzgan negativamente la presencia en el acuario de caracoles acuaticos (Physa spp., Lymnaea spp., Melanoides spp., Planorbis spp., etc...) y a menudo tratan de destruirlas con cualquier medio... tu que opinas?

En mis acuarios de Tanganika , me gustaba tenerlos , me mantenian la arena limpia y siempre he pensado que son beneficiosos ,pero en un acuario plantado , si se pueden evitar , mejor ,esteticamente no quedan muy bien , o por lo menos a mi no me gustan , ademas , cuando no tienen alimento pueden atacar las plantas y si tienen demasiado alimento se te hacen plaga , por eso procuro evitarlos , pero no siempre lo consigo , sinceamente , no me gustan en los acuarios plantados , a excepcion de los miniacuarios , ya que aquí me sirven como equipo de limpieza .

11. Que sistema de filtracion utilizas con mas frequencia en tus acuarios? Preferies sistemas de filtracion lentos y biologicos o mas rapidos y con mayor componente mecanica? Separas la filtracion biologica de la mecanica?

Yo casi siempre he utilizado , los filtros exteriores “canister” con carga biologica y mecanica , a veces separadas ,un filtro para cada carga y a veces mezcladas en el mismo filtro .

12. Que agua utilizas en tus acuarios? Utilizas agua osmiotica con sales que endurecen o utilizas agua de red idrica domestica? Que valores tratas de mantener en tus plantacuarios?

Mezclo agua osmótica con agua del grifo filtrada , intento dejar los valores, pH entre 6,5 y 7 , la dureza de 5 a 10 de Dgh.

13. Con los cambios parciales como te regulas? Frequente y de pequena entidad o mas macizos y con meno frequencia?

Lo mas frecuente que hago es de 1 tercio del acuario semanales , hay veces que por falta de tiempo , los hago cada 15 dias , pero no mas .

14. Testeas con frecuencia el agua o con el simple examen visual puedes comprender las eventuales carencias nutricionales de tus plantas?

Cuando veo que algo no va bien , entonces testeo , pero sino , ni me acerco a los tests , no me gustan , pero a veces son necesarios.

15. Suministras CO2 solo en coincidencia con las horas de luz o 24 horas no-stop?

El CO2 funciona solo con las horas de luz en los acuarios con CO2 presurizado , pero tambien utilizo CO2 artesanal para las urnas mas pequeñas y ahí está funcionando las 24 horas .

16. Takashi Amano ha declarado utilizar en sus preparaciones un ventilator durante toda la temporada en que las luces estan apagadas, o sea 14 horas al dia. Tu utilizas este accessorio? Te parece util?

Yo no utilizo nada de eso , es lo primero que oigo al respecto , lo que hago por la noche (cuando lo recuerdo) es poner las salidas de los filtros por encima del nivel del agua , por el dia estan bajo el nivel del agua para que no muevan la superficie demasiado .

17. Mantienes tus pilas a temperatura costante durante todo el año o tratas de recrear las estaciones disminuyendo un poco el metabolismo de toda la pila durante la fase invernal y una progresiva reduccion de la temperatura?

Mis acuiarios estan a temperatura ambiente , la que mantenemos en casa , no utilizo calentadores desde hace 2 años , en verano se mantienen a 28º como mucho y en invierno a 22º como poco .

18. Utilizas en los acuarios materiales recojidos en la naturaleza? Me refiero a leña, piedras o plantas... como las seleccionas y las preparas para utilizarlas en los acuarios?

He utilizado y sigo utilizando leña de “Romero” bien seco y hervido , a veces si las ramas son pequeñas , las introduzco en el microhondas unos 2 minutos y eso elimina todo lo malo que pueda llevar , todo bien lavado después. Las piedras , por ejemplo las que hay en el “Confrontación” son recogidas aquí cerca en la provincia de Almeria , muy cerca de Murcia , y no son calcareas , por aquí cerca de mi pueblo hay solo calcareas y volcanicas , ya que cerca de aquí hay una zona volcanica . Plantas , solo he probado algunos musgos que se han adaptado bien y los utilizo solo para los miniacuarios.

19. Utilizas en el plantacuario rocas de naturaleza calcarea? En este caso como cambias la gestion de la pila?

En los plantados , nunca he utilizado rocas calcareas , quizas lo intente algun dia , pero tendria que tener un pH por encima de 7 , tengo pendiente hacer eso y meter peces como el Pseudomugil furcatus (me encanta ese pez), y plantas que vayan bien en ese

20. Con la "AAC" espana ha dado prueba de su profesionalidad y capacidad de organizazion. Con tan solo dos ediciones "AAC" ha adquirado una gran consideracion entre los aquascapers eureopeos, pero aun no consigue conquistar los asiaticos. En los primeros 100 puestos en el "IAPLC" de este año no hay ni una pila vista en "AAC", sintoma de que muchos, entre los mejores, prefieren invertir sobre el "Contest" niponico, desdeñando el vuestro. Creo que presentar los resultados (y las fotos) del "Contest" español antes con respeto al "IAPLC" sea deletereo para el "AAC", que opinas?

Precisamente este año en categoría de “MINIACUARIO” y “ACUARIO MEDIO” en AAC ha ganado el primer premio un asiatico Siak Wee Yeo (Malaysia ) Y hay algunos participantes asiaticos , Malaysia (8), Singapore (6), Indonesia (6), Thailand (3), China (3), Vietnam (1) y Taiwan (1) . Es pronto todavía , solo llevan dos ediciones del concurso y creo que con bastante éxito y esperamos que en las proximas ediciones se animen mas aquascapers asiaticos y de todo el mundo a participar en este gran evento . Lo que esta claro es que el IAPLC esta por encima de cualquier otro concurso (casi 2000 participantes este año) y si sus normas piden que los acuarios sean ineditos , es normal que algunos prefieran guardar sus acuarios para ese contest . Pienso que el AAC ha triunfado y lo seguirá haciendo en años venideros .Os dejo mis dos acuarios participantes este año :

Mehirugi (6 litros) 4º puesto en categoría de “miniacuario”
Y Beyond (300 litros ) 13º puesto en “Grandes acuario”


21. Volvamos a ti ... desde el punto de vista estilistico, algunos modelos te han inspirado?Tu estilo, en el caso de acuarios diseñados para el Contest (y no solamente), es personal e istintivo, o utilizas adornos y plantas segun estilos t reglas bien definidas?

Lo mio es instintivo , si te digo que he montado acuarios sin tener muy claro lo que quería hacer hasta que no lo he empezado , quizas no me creas , pero es asi , otras veces si que he intentado poner en practica una idea o un boceto , pero nunca he intentado copiar lo que ya existe , aunque no puedo negar que alguna idea para determinada zona del montaje si que me ha podido influenciar viendo otros acuarios.

22. Las mejorias conseguidas en estos ultimos dos/tres años por aquascapers españoles sono inegables. Entre ellos quien, segun tu opinion, se afirmarà en los proximos anos? Quien entre ellos tiene un estilo que te gusta?

En España hay muy buenos aquascapers , te podría mencionar unos cuantos y quizas algunos no los conozca nadie fuera de España , el primero Jordi Pelegrí , este hombre lleva una serie de trabajos hechos desde que empezó , que son buenisimos ,a cual mejor , me encanta lo que hace y creo que es de lo mejor que tenemos en España ahora mismo , tambien voy a mencionar a Lorenzo Ruiz , el mejor clasificado este año en el IAPLC, este hombre , modesto y casi desconocido para muchos , ha conseguido ser el mejor español clasificado con el puesto 264 y un gran acuario “Benvenuto”. Tambien me gusta lo que hace Alberto Alvarez , reciente ganador en categoría 70< del AGA , con su “Apolo” , este hombre ya lo conozco hace muchos años y siempre he admirado la buena mano que tiene con las plantas . Y por ultimo , alguien que quizas fuera de España no sea muy conocido , porque no ha llegado a participar en ningun concurso de renombre , pero es un maestro , me refiero a Alberto Sosa .


23. Que consejos de base piensas dar a un neofito que se acerca por primera vez a un acuario con plantas, para que salga satisfecho .

Hombre , lo mas adecuado es empezar con plantas poco exigentes y de facil mantenimiento , aparte de eso siempre he dicho que lo mejor es la PACIENCIA , es muy necesaria para no desanimarte con el primer problema , que seguro lo tendrás como todos los hemos tenido y seguimos teniendo , mucha PACIENCIA .

24. Pasamos ahora a los "mini acuarios". He visto algunas autenticas obras maestras realizadas con pilas pequenisimas, a veces con menos de un litro de capacidad. Son verdaderos acuarios o se trata solo de ejercicios de estilo? ...son acuarios de verdad y duran en el tiempo o estan echos solo para sacarles una foto?

Hay de todo , algunos han durado horas , otros semanas y otros meses , depende con el proposito que sean creados . Los que mas tiempo he mantenido son los que tienen de 6 litros en adelante . En medio litro , lo maximo que los he mantenido es 3 meses , tiempo que he conseguido mantener sumergidos los musgos que utilizo (foto)

Musgo en acuario recien montado
Evolucion


25. Me imagino que pilas tan pequenas a veces non tienen ni filtro, verdad? Requieren cambios parciales o hay que rellenarlas de vez en cuando?

Cuando decido mantenerlas , les hago cambios parciales y a veces del 100% del volumen , su unica filtración , como ya he comentado antes son un grupo de pequeños caracoles. A partir de 5 o 6 litros si que utilizo filtración .

26. Se puede pensar en fertilizar en pilas tan pequenas o es mejor evitarlo?

Si que se puede , a cada cambio yo le añado unas gotas (a ojo) de abono liquido comercial.

27. En volumen tan reducido utilizas fondos activos o es mejor utilizar fondos inertes? En resumidas cuentas ... como funciona un mini acuario?

En los mas pequeños , al utilizar unicamente musgos , el suelo activo no sirve de mucho y si utilizo algo de Eleocharis en estos pequeños acuarios tampoco me interesa que crezca demasiado deprisa , por lo que solo utilizo fondo activo a partir de 6 litros .

28. Es cierto que estas obras microscopicas no pueden competir con los maxi acuarios que vemos en los verios Contest de Aquascape ... y es una pena! No crees seria mejor organizar nuevos Contest dedicados a otras categorias, mas expecificos y dedicados a este tipo de mini acuarios?

Este año en el IAPLC hay un miniacuario que ha quedado en el puesto 100 , por lo que tambien se les permite participar , pero de todas formas deberia existir una categoría en cada concurso que no exceda de 6 litros , porque no es lo mismo montar algo tan pequeño que un 54 litros y ambos entran en la categoría de miniacuarios en los concursos . En cuanto a un contest especifico , solo de miniacuarios tan pequeños ,estaría bien , pero de momento nos tenemos que conformar con mis concursos (amistosos) de minis y con una caricatura como premio jeje.

29. A parte de la acuariofilia, tienes otras pasiones? Quieres contarnos algo?

Bueno , me gusta el cine , sobre todo de terror , ,sea nuevo o antiguo , tambien de animación ,juego a la consola con mis hijas , leo novelas de terror , me gusta dibujar ,pintar miniaturas y un monton de cosas mas como el futbol , tenis , el boxeo y la musica rock y metal sobre todo.

30. Bien, estamos casi al final, antes de saludarnos, hay alguien que quieres saludar o a quien quieres dar las gracias o recordar alguien que de cualquier forma ha contribuido a tu formacion en plantacuariofilia y quieres dedicarle una mencion?

Como todo aficionado al acuapaisajismo creo que debo mencionar a una persona que ha hecho posible que la mayoria de nosotros se interese por este mundo y ese sin duda es el señor TAKASHI AMANO y sus trabajos, creo que sin el esta aficion no sería lo mismo. Tambien quiero recordar a alguien que me animó y ayudó en mis comienzos a crear un blog y sacar a la luz mis trabajos , Josep Cabello , creador de uno de los blogs mas interesantes de España AQUAFLASH , precisamente este mes de Noviembre , el dia 16 hizo un año de su muerte , descansa en paz Josep . Tambien quiero dar las gracias a todos los foros que me han apoyado cuando los he necesitado , entre ellos AQUAEXPERIENCE y a toda la gente que me ha ayudado en algun momento , gracias a todos ellos .



Bueno Diego, la entrevista ha terminado. El personale de AquaExperience.it te da las gracias por tu disponibilidad y por tu tiempo.

Gracias a vosotros por como me habeis tratado desde el pricipio , MIL GRACIAS , ha sido un placer .

Ultimo aggiornamento (Sabato 27 Novembre 2010 17:29)

 

Iscriviti al sito/forum di AE

Ultime dal forum
Re: Patina "oleosa" biancastra
Inviato da marco66
21/06/2017 19:36
Re: Nano Acquario per caridine.
Inviato da parnic69
17/06/2017 10:40
Re: Aquatlantis Ambiance 101
Inviato da parnic69
17/06/2017 10:08
Re: Mi presento
Inviato da Peximus
15/06/2017 08:49
Re: Test dell'acqua: Quali i migliori?
Inviato da Alepip
12/06/2017 19:01
Hardscape e tecniche Wabiscaping by Roberto Bielli finale
Inviato da EQUO SRL
3/06/2017 11:13
Re: Easy way
Inviato da Luca
31/05/2017 11:28
Re: Composizione fondo
Inviato da Luca
31/05/2017 11:26
Re: Take 6: la rinascita
Inviato da Pierre
27/05/2017 15:52
Re: Intervista a Dario Schelfi
Inviato da Andrea Perotti
26/05/2017 00:05
Calendario eventi
Giugno 2017
L M M G V S D
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2
Prossimi eventi
Nessun evento
Dalle Fotogallery
Negozi Convenzionati

http://www.Petpassion.it

http://www.acquarishop.it/

Lo staff di AquaExperience ricorda che i contenuti degli articoli e delle schede presenti in questo sito sono frutto di esperienze personali e pertanto spesso non ripercorribili con medesimi risultati in altre sedi e in altri acquari. Ciò che funziona perfettamente in un acquario potrebbe non funzionare per nulla in un altro. Lo staff di AquaExperience e gli autori del materiale in esso presentato non potranno quindi in alcun modo essere considerati responsabili per eventuali danni a persone, cose o animali derivanti dall'applicazione dei contenuti di tale materiale.