Cerca nel sito

Countdown iscrizione contest

In questo momento non ci sono contest in programma ai quali è possibile iscriversi.

Gastromyzon punctulatus

 

Gastromyzon punctulatus

(Inger & Chin, 1961)

 

Gastromyzon punctulatus

 


Piccolo pesce, molto robusto, ideale aiutante nella lotta alle alghe specialmente sui vetri. Adatto anche ad acquari di dimensioni piccole.
Difficoltà d’allevamento: minima. Specie consigliata anche a neofiti.

Fotogallery Gastromyzon punctulatus

Nome scientifico:

Gastromyzon punctulatus


Nome comune:

Gastromyzon


Famiglia:

Balitoridae


Luogo d’origine:

Asia (Borneo)


Morfologia:

ventre piatto, il pesce visto lateralmente appare schiacciato e aderente alla superficie d'appoggio, ciò gli permette di restare ancorato saldamente al substrato anche in condizioni di forte corrente. Nella parte inferiore si trova la bocca, ampia e contornata da piccoli barbigli. Ventre trasparente che lascia intravedere gli organi interni. Livrea verde-marrone ricoperta da punteggiatura chiara giallo-verde.


Dimensioni:

fino a 6,5 cm


Dimorfismo sessuale:

inesistente ad occhio nudo


Dimensioni minime acquario:

almeno 30 litri netti per un esemplare


Valori Acquario Allevamento:

- PH 6 / 8
- GH 8 / 20 °dGH
- Temperatura 23 / 26 °C


Allestimento acquario allevamento:

è' amante degli acquari con acqua ben movimentata in quanto abituato a vivere in tratti di fiume con rapide e forte corrente.


Alimentazione:

è onnivoro, tuttavia in natura la sua dieta non è molto varia essendo in genere limitata ad alghe e microfauna.
In acquario, oltre ad esigere una costante presenza di alghe e microfauna, accetta mangime vegetale in cialde/compresse specifiche per pulitori da fondo, inoltre non manca di nutrirsi di eventuali altri avanzi di cibo rinvenibili sul fondale.


Livello di nuoto:

fondo e vetri


Comportamento:

pesce timido, pacifico, quasi indifferente verso gli eventuali coinquilini ma spesso intollerante verso gli altri Gastromyzon verso i quali denota una certa territorialità intraspecifica. Se l’acquario è piccolo e/o non offre sufficienti nascondigli e divisioni territoriali è quindi preferibile inserirne un solo esemplare, se invece l’acquario lo permette si può provare ad introdurne un piccolo gruppetto (non più di un esemplare ogni 30 litri). Passa intere giornate a raschiare alghe attaccato ai vetri grazie alla particolare conformazione della bocca.


Biocenosi:

pesce timido e pacifico, non da problemi a nessuno, adatto quindi ad acquari comunitari senza abbinarlo però a specie troppo aggressive.
Segnalati casi di incompatibilità con gamberetti di dimensioni superiori ai 7 cm e con esemplari adulti di Pterophyllum scalare (Gastromyzon ucciso e mangiato).


La Riproduzione


Difficoltà:

quasi impossibile da realizzare in cattività.
Avvenuta solo occasionalmente in acquario, non se ne conoscono i dettagli, pare comunque che un abbassamento del PH a valori intorno al 6 ne stimoli l’istinto riproduttivo.


Modalità riproduttiva:

specie ovipara.

Ultimo aggiornamento (Domenica 10 Gennaio 2010 23:01)

 

Iscriviti al sito/forum di AE

Ultime dal forum
Re: Take 6: la rinascita
Inviato da Pierre
27/05/2017 15:52
Re: Intervista a Dario Schelfi
Inviato da Andrea Perotti
26/05/2017 00:05
Re: Hydre
Inviato da Andrea Perotti
24/05/2017 23:28
Re: Easy way
Inviato da Andrea Perotti
24/05/2017 23:27
Re: vasca malawy
Inviato da Andrea Perotti
22/05/2017 16:40
Re: Ciao a tutti
Inviato da marcello
17/05/2017 15:47
Re: Semi di piante acquatiche
Inviato da marco66
15/05/2017 22:02
Re: The Cliff Mountain
Inviato da JAMMING
9/05/2017 20:54
Re: Aquatlantis Ambiance 101
Inviato da parnic69
9/05/2017 19:20
[MI] Cerco potature
Inviato da Ernesto
2/05/2017 23:09
Calendario eventi
Maggio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4
Prossimi eventi
Nessun evento
Dalle Fotogallery
Negozi Convenzionati

http://www.Petpassion.it

http://www.acquarishop.it/

Lo staff di AquaExperience ricorda che i contenuti degli articoli e delle schede presenti in questo sito sono frutto di esperienze personali e pertanto spesso non ripercorribili con medesimi risultati in altre sedi e in altri acquari. Ciò che funziona perfettamente in un acquario potrebbe non funzionare per nulla in un altro. Lo staff di AquaExperience e gli autori del materiale in esso presentato non potranno quindi in alcun modo essere considerati responsabili per eventuali danni a persone, cose o animali derivanti dall'applicazione dei contenuti di tale materiale.