Cerca nel sito

Countdown iscrizione contest

In questo momento non ci sono contest in programma ai quali è possibile iscriversi.

Otocinclus vittatus

 

Otocinclus vittatus

(Regan, 1904)

 

Otocinclus vittatus

 

Piccolo Loricaride amazzonico, delicato nella fase d’ambientazione in un nuovo acquario, ragion per cui è preferibile inserirlo solo in acquari ben maturi e con un ottimo sistema di filtraggio. Gran divoratore di alghe, anche di Diamotee.
Difficoltà d’allevamento: media.

 

 

Fotogallery Otocinclus vittatus

Nome scientifico:

Otocinclus vittatus


Nomi comuni:

Nessuno segnalato.
Nei “mercati” esteri viene comunemente indicato come “Nano suckermouth”.


Famiglia:

Loricariidae


Luogo d’origine:

Sud America (rinvenibile in vari fiumi amazzonici, soprattutto in Orinoco, Tocantis, Rio del Plata e Xingu).


Morfologia:

corpo esile ed affusolato, soprattutto negli esemplari maschi. Bocca a ventosa. Dorso verde/bruno macchiettato e ventre bianco/perlaceo. Sui fianchi chiari spicca una massiccia linea laterale molto scura, che parte dal muso arrivando fino al peduncolo caudale, ove si allarga formando una macchia nera ricoprente la base della pinna caudale. La pinna caudale mostra delle pigmentazioni alternate marrone/bianco che ne seguono interamente i due lobi. Le altre pinne sono trasparenti, ma sui singoli raggi di pettorali e dorsale è presente in trasparenza la stessa colorazione maculata del dorso. Pinna adiposa assente. Negli individui sani e ben nutriti è facile notare un certo rossore in trasparenza nella zona della gola e sui fianchi in corrispondenza delle branchie.

Nota: spesso viene erroneamente venduto come Otocinclus affinis, al quale effettivamente somiglia molto nella fase giovanile.


Dimorfismo sessuale:

le femmine hanno un ventre più largo mostrando quindi un aspetto generale più massiccio, tuttavia non è una differenza davvero evidente se non nel periodo riproduttivo.


Dimensioni:

in natura arriva anche a 5 cm, mentre in acquario si assesta solitamente a 3,5 / 4 cm.


Ciclo vitale:

non si hanno dati certi in merito.


Dimensioni Acquario:

è un pesce di ridotte dimensioni e piuttosto statico, risulta quindi idoneo all’allevamento anche in acquari di piccole dimensioni. Si consiglia comunque di mettere a loro disposizione almeno 15 litri ad esemplare. Andrebbero sempre inseriti in gruppetti di almeno 3 / 4 esemplari, meglio quindi optare per una vasca di almeno 60 litri netti di capienza.


Valori consigliati per l’acquario d'allevamento:

- PH: 6,0 / 7,5
- GH: 3 / 18 °dGH
- Temperatura: 20 / 26 °C


Allestimento acquario d'allevamento:

acquario ricco di vegetazione, con nascondigli e zone d’ombra. L’illuminazione non deve essere eccessiva e diretta, molto indicato quindi risulta l’impiego di piante galleggianti. E’ un pesce che predilige acquari ben maturi con valori stabili, con acque mosse e ben ossigenate e un gran filtraggio.


Alimentazione:

specie erbivora, sia in natura che in cattività. E’ un eccellente consumatore di alghe, soprattutto di diamotee (non mangia le alghe filamentose), ma è comunque preferibile integrarne saltuariamente la dieta a mezzo di vegetali sbollentati (ad esempio zucchine, cetrioli e carote). Se l’acquario è eccessivamente pulito e quindi privo delle necessarie coperture algali è utile somministrare anche appositi mangimi per pesci di fondo a base di alghe. Per esperienza diretta di molti acquariofili si può affermare che in cattività Otocinclus vittatus non disprezza anche altri alimenti, come ad esempio piccoli alimenti vivi/surgelati ed eventuali avanzi di mangime in scaglie rinvenibile sul fondale, fermo restando che i vegetali devono sempre e comunque restare la sua principale fonte alimentare.


Livello di nuoto:

livello inferiore, fondo e vetri.


Comportamento:

assolutamente pacifico, passa le sue intere giornate a procurarsi cibo raschiando legni, vetri e foglie. Non ama la luce forte diretta, motivo per cui tende a preferire le zone d’ombra. E’ un pesce di gruppo, meglio quindi inserirlo in piccoli gruppetti di almeno 3 esemplari. Se in singolo esemplare può da adulto mostrarsi nervoso ed irrequieto.


Biocenosi:

assolutamente innocuo e pacifico verso qualsiasi altra specie. Adatto quindi all’acquario di comunità. Da evitare l'abbinamento a pesci aggressivi e carnivori di taglia troppo superiore.

 

La Riproduzione



Difficoltà d’ottenimento della riproduzione in cattività:

abbastanza difficoltosa e da ricercare necessariamente in acquario dedicato monospecifico. Non si conoscono ancora molti dettagli relativi alla riproduzione di questa specie.


Modalità riproduttiva:

specie ovipara.


Maturità sessuale:

non si hanno dati certi in merito.


Formazione della coppia:

non si ha formazione di coppie, le riproduzioni avvengono senza una regola fissa, in momenti di aggregazione del branco.


Valori consigliati per l’acquario riproduttivo:

non si hanno dati certi in merito. Tuttavia dalle osservazioni raccolte in seguito alle poche riproduzioni avvenute pare che l’istinto riproduttivo sia sollecitato da eventi che simulino ciò che avviene in natura durante la stagione delle piogge, momento in cui nei fiumi degli habitat naturali di questa specie si registra un progressivo aumento del livello dell’acqua e delle disponibilità alimentari, ed in contemporanea un certo abbassamento della temperatura dell’acqua, nonché un suo intenerimento.


Allestimento acquario riproduttivo:

poca luce, fondo scuro, presenza di alcune piante a foglia larga. Consigliata anche la presenza di muschi vari (ad esempio Vesicularia dubyana) che permettano una sufficiente presenza di microfauna, indispensabile alla sopravvivenza dei piccoli nelle prime settimane di vita.


Deposizione e Fecondazione:

dalle poche osservazioni avvenute, si può affermare che la femmina depone le uova sulle foglie delle piantine e che subito il maschio provvede alla loro fecondazione.


Schiusa e Primi Giorni:

il tempo necessario per la schiusa delle uova è influenzato dalla temperatura dell’acqua, nel centro del range ottimale, a 23 °C, le uova si schiudono dopo circa 3 giorni.


Avannotti:

appena nati i piccoli necessitano di abbondante microfauna, rinvenibile ad esempio tra alghe e muschi. Soprattutto nelle prime due settimane sono molto delicati e necessitano di alimentarsi abbondantemente e costantemente, ragion per cui è buona norma somministrare anche infusori ed appositi mangimi liquidi per avannotti. I genitori non praticano alcuna cura parentale, nè verso le uova, nè tantomeno verso i piccoli nati. Raramente si assiste a casi di cannibalismo, è tuttavia consigliabile separare gli avannotti dagli adulti, per una più facile loro gestione.


Ultimo aggiornamento (Domenica 03 Gennaio 2010 19:55)

 

Iscriviti al sito/forum di AE

Ultime dal forum
Re: presentazione
Inviato da Dreddone
oggi alle 10:00
Re: Aquatlantis Ambiance 101
Inviato da Andrea Perotti
ieri alle 20:00
carenza/eccesso hygrophyla
Inviato da Fletcher+8
18/07/2017 12:06
Re: Ticino ... ispirazioni rocciose
Inviato da marco66
16/07/2017 09:58
Equo Allium
Inviato da EQUO SRL
15/07/2017 15:28
Re: Barbus tetrazona malato?
Inviato da Peximus
13/07/2017 15:09
Re: ricetta per fondo da prato
Inviato da vinga
2/07/2017 13:29
Re: Ticino - Golasecca - 25 Giugno 2017
Inviato da Andrea Perotti
29/06/2017 22:26
Re: Patina "oleosa" biancastra
Inviato da marco66
21/06/2017 19:36
Re: Nano Acquario per caridine.
Inviato da parnic69
17/06/2017 10:40
Calendario eventi
Luglio 2017
L M M G V S D
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Prossimi eventi
Nessun evento
Dalle Fotogallery
Negozi Convenzionati

http://www.Petpassion.it

http://www.acquarishop.it/

Lo staff di AquaExperience ricorda che i contenuti degli articoli e delle schede presenti in questo sito sono frutto di esperienze personali e pertanto spesso non ripercorribili con medesimi risultati in altre sedi e in altri acquari. Ciò che funziona perfettamente in un acquario potrebbe non funzionare per nulla in un altro. Lo staff di AquaExperience e gli autori del materiale in esso presentato non potranno quindi in alcun modo essere considerati responsabili per eventuali danni a persone, cose o animali derivanti dall'applicazione dei contenuti di tale materiale.