Login    Iscriviti

Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Scelta, messa in opera, uso, manutenzione, risoluzione problemi, modifiche e lavorazioni artigianali riguardanti la vasca e tutti gli accessori tecnici a corredo per acquario, acquaterrario, paludario ed umidario.

Moderatore: Gruppo moderatori "Tecnica"

  • Autore
    Messaggio

Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Messaggioda qxprnc » lunedì 9 ottobre 2017, 20:16

Vorrei conoscere le vostre opinioni sui migliori sistemi per dare CO2 alle piante. In due anni da una decina circa di sistemi che esistono li ho provati tutti o quasi e devo dire che i sistemi fai da te mi hanno fortemente deluso per la loro erraticità e inaffidabilità.
Intendo:

1) CO2 con lievito nel bottiglione da 5 litri.
2) CO2 con lievito e colla di pesce
3) CO2 con bicarbonato e acido citrico

e infine ci metto anche l'impianto della Sicce CO2 life su cui ponevo le mie speranze per una vasca da 50 litri con Cabombe rosse e piante rosse ma che praticamente non fa nulla, buttato via 40 euro.
Gli unici sistemi veramente affidabili purtroppo sono quelli più costosi con bombola e riduttore di pressione, nulla può reggere il loro confronto.
Dico purtroppo perchè avendoli provati tutti vi avevo posto molte delle mie aspettative che sono andate deluse.

Difetti: (ciò che dico riguarda la mia personale esperienza) i lieviti smettono di funzionare sotto i 22 gradi (circa), richiedono un certo quantitativo di manutenzione e d'estate una frequenza di cambio settimanale ma a volte durano anche solo 5 giorni.

Bicarbonato e acido citrico (o muriatico), durano anche quelli poco e non sono mai riuscito a creare un flusso di gas costante, va sempre controllato e ritoccato causando continui salti di pH, inaffidabili se uno va via anche solo per due giorni. Infine l'acido citrico è introvabile a Torino e devo mettere il muriatico che mi causa la perdita della bottiglia obbligandomi a comperare della odiata bibita gassata che per motivi salutistici ho voluto eliminare dalla mia dieta.
qxprnc
Junior
Junior
 
Messaggi: 108
Iscritto il: domenica 8 novembre 2015, 3:12

Re: Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Messaggioda marco66 » martedì 10 ottobre 2017, 0:08

Io ho provato quello a lievito e colla di pesce anni fa.A parte i difetti da te indicati, che ho riscontrato anch'io,ed alle problematiche varie di regolazione,mi è stato proibito il suo uso |( dal giorno in cui il tappino che funge da valvola di sfiato del deflussore per flebo è rimasto incastrato e siccome era estate e la miscela era relativamente nuova e la regolazione chiusa,il risultato è stato una bottiglia che è rotolata sul pavimento percorrendo tutta la stanza spruzzando il suo contenuto appicicaticcio su mobili,pareti e soffitto dalla filettatura del tappo(da qualche parte doveva sfogare la pressione interna e meno male...!).Da quel giorno solo bombole ricaricabili con regolatore di pressione nell'unica vasca in cui la uso :lol:
Immagine
Immagine
marco66
Moderatore
Moderatore

Avatar utente
 
Messaggi: 2864
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2011, 3:11
Località: susa(to)

Re: Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Messaggioda qxprnc » martedì 10 ottobre 2017, 12:04

Secondo me non sono proprio completamente da buttare, per vasche con piante poco esigenti e nei periodi estivi possono anche andare ma il problema della regolazione va assolutamente risolto perché quei sistemi ti possono far arrivare il pH a 5 e gassare i pesci quando hai il massimo della pressione, io ho contato a volte 100 bolle al minuto. In vasche con pesci e piante delicate come le mie Cabomba, Rotala & Co. non sono proponibili o almeno io ho avuto risultati pessimi in cui dopo un periodo di esplosione sono arrivato alla morte delle piante.
Il sistema tradizionale di regolazione è il punto più debole di tutta l'apparecchiatura, spesso è un "dadino forx" che si chiude con una vite sul tubicino che va all'erogatore.
qxprnc
Junior
Junior
 
Messaggi: 108
Iscritto il: domenica 8 novembre 2015, 3:12

Re: Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Messaggioda marco66 » martedì 10 ottobre 2017, 13:06

qxprnc ha scritto:Secondo me non sono proprio completamente da buttare, per vasche con piante poco esigenti e nei periodi estivi possono anche andare ma il problema della regolazione va assolutamente risolto perché quei sistemi ti possono far arrivare il pH a 5 e gassare i pesci quando hai il massimo della pressione, io ho contato a volte 100 bolle al minuto. In vasche con pesci e piante delicate come le mie Cabomba, Rotala & Co. non sono proponibili o almeno io ho avuto risultati pessimi in cui dopo un periodo di esplosione sono arrivato alla morte delle piante.
Il sistema tradizionale di regolazione è il punto più debole di tutta l'apparecchiatura, spesso è un "dadino forx" che si chiude con una vite sul tubicino che va all'erogatore.

La CO2 o la si fornisce in modo regolare e controllato tramite un regolatore di pressione con manometri e valvola a spillo per la regolazione fine ed un buon diffusore,o è meglio non usarla proprio secondo me.Gli sbalzi di valori in vasca possono essere letali per i pesci,ma anche le piante reagiscono male a condizioni variabili e soprattutto la flora batterica dei filtri in fase di maturazione(ma anche dopo) soffre queste situazioni di instabilita'.Piante poco esigenti ed a crescita lenta e muschi ed epifite possono tranquillamente crescere e svilupparsi senza CO2 aggiunta,se invece si punta alla coltivazione di piante piu' esigenti(o molto esigenti) il costo degli impianti a bombola, ricaricabile o meno, non è significativo rispetto a quanto si va a spendere in protocolli di fertilizzazione ed impianti luce vari.Il piu' delle volte gli impiantini fai da te vengono usati dai neofiti in vasche di litraggio limitato (se non proprio insufficiente) con lo scopo principale di acidificare l'acqua per allevarci pesci che non andrebbero inseriti li',oppure per puntare ai soliti "pratini"e piante "rosse" che vanno tanto di moda con risultati normalmente disastrosi.Questo è un discorso generale ovviamente,poi se (come nel tuo caso) si vuole sperimentare, conoscendo i rischi potenziali di un gas soffocante come la CO2, in vasche con sole piante si puo' fare tranquillamente,ma i limiti di questi sistemi (temperature di esercizio,regolazione continua ed incostante del gas in uscita,incidenti di percorso come nel mio caso :D )vengono puntualmente a galla.
Immagine
Immagine
marco66
Moderatore
Moderatore

Avatar utente
 
Messaggi: 2864
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2011, 3:11
Località: susa(to)

Re: Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Messaggioda Andrea Perotti » martedì 10 ottobre 2017, 23:27

marco66 ha scritto:La CO2 o la si fornisce in modo regolare e controllato tramite un regolatore di pressione con manometri e valvola a spillo per la regolazione fine ed un buon diffusore,o è meglio non usarla proprio secondo me.Gli sbalzi di valori in vasca possono essere letali per i pesci,ma anche le piante reagiscono male a condizioni variabili e soprattutto la flora batterica dei filtri in fase di maturazione(ma anche dopo) soffre queste situazioni di instabilita'.



Pienamente d'accordo con te Marco :thumbup:

Life is a game .... quindi palla lunga e pedalare...
Andrea Perotti
Autore amministratore
Autore amministratore

Avatar utente
 
Messaggi: 13925
Iscritto il: giovedì 19 novembre 2009, 1:21
Località: Prov. Varese

Re: Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Messaggioda erFalco » mercoledì 11 ottobre 2017, 12:59

Non ho mai provato la "CO2 fai da te" anche se sono stato allettato.
Ho acquistato sin da subito un impianto completo con relativa elettrovalvola e mi sono trovato benissimo finchè l'ho usata (fino a poco tempo tempo fa). Ora ho acquistato una nuova bombola usa e getta e presto rimetterò in funzione l'impianto sulla vasca, diciamo, ehmmm, principale!
Tutta la vegetazione ne ha risentito in positivo. Poi il declino :wallbash: anche perchè ho ridotto e quasi annullato la fertilizzazione in colonna :fubar:
Immagine
Gli attuali valori del mio primo acquario - Juwel RIO 180
Immagine
Hello Kitty 20 litri - HK - 20 litri
_____________________________________

Giulio
erFalco
Master
Master

Avatar utente
 
Messaggi: 1083
Iscritto il: venerdì 28 settembre 2012, 21:20
Località: Roma

Re: Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Messaggioda qxprnc » mercoledì 11 ottobre 2017, 17:10

Io ho voluto fare un progetto inizialmente ambizioso poi mi è un po' sfuggito di mano e mi sono dovuto ridimensionare, ho messo su nel giro di un anno quasi una decina di vasche senza rendermi conto dei costi e del tempo di gestione, in ognuna volevo ricreare un biotopo a partire dai valori chimici principalmente per le piante senza pesci.
Una vasca acida (cabomba, rotala ecc.), una vasca pH vicino al neutro (7,2-7,6) con piante nostrane, una vasca con piante che vivono in ambiente alcalino (pH 8,5), una salmastra (non riuscito a reperire le piante), una con condizioni estreme a pH 9-9,5, una vasca per piante di montagna con GH e KH bassissimi e infine un mini marino da 50 l circa più altri vari che ho dismesso.
Sono andato al risparmio con tutto quello che potevo eccetto che per la vasca da 350 l in salotto ma ho capito che quando ci sono piante esigenti non si può risparmiare pena il fallimento, infatti dopo un avvio strepitoso l'impianto è stato trascurato e il pH è arrivato a 9,6 nella vasca delle Cabomba dove inizialmente avevo previsto 6. Adesso ho solo più 4 acquari attivi e ho deciso di investire in altri 2 impianti per la CO2 con riduttore di pressione.
qxprnc
Junior
Junior
 
Messaggi: 108
Iscritto il: domenica 8 novembre 2015, 3:12

Re: Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Messaggioda erFalco » mercoledì 11 ottobre 2017, 17:33

Secondo la mia poca esperienza è la scelta migliore.
Meno preoccupazioni e impegno nel gestire la CO2. Fai la regolazione in modo semplice e immediato.
Immagine
Gli attuali valori del mio primo acquario - Juwel RIO 180
Immagine
Hello Kitty 20 litri - HK - 20 litri
_____________________________________

Giulio
erFalco
Master
Master

Avatar utente
 
Messaggi: 1083
Iscritto il: venerdì 28 settembre 2012, 21:20
Località: Roma

Re: Delusione sui sistemi CO2 fai da te

Messaggioda marco66 » mercoledì 11 ottobre 2017, 19:22

erFalco ha scritto:Secondo la mia poca esperienza è la scelta migliore.
Meno preoccupazioni e impegno nel gestire la CO2. Fai la regolazione in modo semplice e immediato.

Ed hai valori stabili nel tempo cosa fondamentale in qualsiasi vasca.Il limite degli impianti "casalinghi" sta' proprio nella impossibilita' di regolazione costante del gas,e se in vasche con acque dure e alcaline puo' essere tollerabile entro certi limiti.in vasche con acque tenere puo' portare a disastri completi.
Immagine
Immagine
marco66
Moderatore
Moderatore

Avatar utente
 
Messaggi: 2864
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2011, 3:11
Località: susa(to)

Torna a Vasca, accessori tecnici e fai da te.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti